Il Progetto

L’orto degli zii è un progetto che si intende realizzare prevalentemente presso il bene Fondo Italia, esso nasce dalla volontà di fornire un valido contributo al macro tema della rigenerazione, del riutilizzo e gestione di particolari beni come quelli confiscati o comunque sottratti alla criminalità organizzata. L’intento è quello di trasformare in un programma sociale il bene sottratto al male affare creando uno spazio verde che coinvolga l’intera popolazione: anziani, bambini, minori a rischio e adulti con fragilità al fine di semplificare processi di inclusione, socializzazione e di dialogo sociale oltre che intergenerazionale.

Le attività progettuali intendono:

  • Favorire il recupero sociale di detenuti ed ex detenuti, anche attraverso l’attivazione di azioni innovative di formazione e avviamento al lavoro e all’imprenditorialità sociale
  • Sviluppare e diffondere la pratica regolare di attività motoria e di buone scelte alimentari, al fine di promuovere l’adozione di corretti stili di vita
  • Sviluppare interventi per la valorizzazione e la tutela dei beni comuni, anche attraverso il loro utilizzo da parte della comunità territoriale di riferimento
  • Promuovere la legalità e la corresponsabilità.

Dalla considerazione che l’uso sociale dei beni comuni e sottratti alla criminalità può rappresentare un valore simbolico, educativo e culturale e che tali beni possono costituire un valido strumento per far crescere le comunità locali sul piano economico e sociale, l’idea progettuale che si sta realizzando bene è quella di creare dei percorsi di agricoltura sociale, orti sociali e un parco urbano con attività sportive e di aggregazione sociale rivolto all’intera popolazione con attenzione particolare a quelle persone con fragilità particolari.

Aderire a questo progetto significa considerarsi parte di un disegno più ampio: essere promotori di Capitale Sociale puro.